ZONE CLIMATICHE

 

La materia regolata dal Decreto del Presidente della Repubblica 26/08/1993 n. 412, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 242 del 14/10/1993, Supplemento Ordinario n. 96 e successive modificazioni e integrazioni.

Lart.9 del citato D.P.R. impone che gli impianti di riscaldamento debbano essere gestiti in maniera tale da non superare le temperature sancite dall'art. 4 dello stesso D.P.R., ovvero 20 gradi!!

Nella tabella sotto riportata, indicata, per ognuna delle zone climatiche, il periodo dell'anno e il numero massimo di ore giornaliere in cui consentita l'accensione degli impianti di riscaldamento. Nel caso di condizioni meteorologiche particolarmente avverse, tuttavia, i singoli comuni possono consentire l'accensione degli impianti anche in periodi diversi. L'unit di misura utilizzata per l'individuazione della zona climatica di appartenenza di ciascun comune il grado-giorno, ovvero la somma, estesa a tutti i giorni di un periodo annuale convenzionale di riscaldamento, delle sole differenze positive giornaliere tra la temperatura dell'ambiente, convenzionalmente fissata a 20C, e la temperatura media esterna giornaliera. A titolo di esempio vengono riportate le zone climatiche di appartenenza di tutti i comuni capoluogo di provincia.

 

Zone

Gradi-giorno

Periodo

Ore massime

Esempi

A

fino a 600

1 Dicembre - 15 Marzo

6 (sei)

Lampedusa, Linosa, Porto Empedocle

B

da 600 a 900

1 Dicembre - 31 Marzo

8 (otto)

Agrigento, Catania, Crotone, Messina, Palermo, Reggio Calabria, Siracusa, Trapani

C

da 900 a 1400

15 Novembre - 31 Marzo

10 (dieci)

Bari, Benevento, Brindisi, Cagliari, Caserta, Catanzaro, Cosenza, Imperia, Latina, Lecce, Napoli, Oristano, Ragusa, Salerno, Sassari, Taranto

D

da 1400 a 2100

1 Novembre - 15 Aprile

12 (dodici)

Ancona, Ascoli Piceno, Avellino, Caltanissetta, Chieti, Firenze, Foggia, Forli', Genova, Grosseto, Isernia, La Spezia, Livorno, Lucca, Macerata, Massa, Carrara, Matera, Nuoro, Pesaro, Pesaro, Pescara, Pisa, Pistoia, Prato, Roma, Savona, Siena, Teramo, Terni, Verona, Vibo Valentia, Viterbo

E

da 2100 a 3000

15 Ottobre - 15 Aprile

14 (quattordici)

Alessandria, Aosta, Arezzo, Asti, Bergamo, Biella, Bologna, Bolzano, Brescia, Campobasso, Como, Cremona, Enna, Ferrara, Cesena, Frosinone, Gorizia, L'Aquila, Lecco, Lodi, Mantova, Milano, Modena, Novara, Padova, Parma, Pavia, Perugia, Piacenza, Pordenone, Potenza, Ravenna, Reggio Emilia, Rieti, Rimini, Rovigo, Sondrio, Torino, Trento, Treviso, Trieste, Udine, Varese, Venezia, Verbania, Vercelli, Vicenza

F

oltre 3000

Nessuna limitazione

24 (ventiquattro)

Belluno, Cuneo

 

    I dati sopra riportati sono stati tratti da siti di libera consultazione.

 

 

  Home page